Dove Ricevo
Clinica Salvatormundi

(zona Gianicolo) 06.58896588,

Studio Diamedica

(zona Marconi) 06.5575758

Villa Margherita

(viale di Villa massimo 48) 06.862751

Reflusso gastro-esofageo

Per malattia da reflusso gastro-esofageo (MRGE) si intende la presenza e/o di sintomi legati ad irritazione della mucosa esofagea secondaria a reflusso di contenuto gastrico (prevalentemente acido) e/o di lesioni evidenti della mucosa (ossia del rivestimento interno) dell’esofago. Il reflusso gastro-esofageo si verifica quando il contenuto gastrico passa in esofago per rilasciamento transitorio o cronico dello sfintere esofageo inferiore.
Tale evento si osserva fisiologicamente durante l’arco della giornata ed assume carattere patologico quando è di entità e frequenza tale da determinare l’insorgenza di sintomi o da causare lesioni della mucosa esofagea. In tale caso si parla di malattia da reflusso gastro-esofageo. Il 40% dei sofferenti di malattia da reflusso non consulta il proprio medico, si rivolge al farmacista o assume spontaneamente anti-acidi.
Stile di vita e dieta non regolate, alcool, fumo, alimenti grassi e cioccolato, uso di farmaci, specialmente FANS, sono un cocktail a volte micidiale per lo stomaco e l’esofago, tanto che 2 italiani su 5 soffrono occasionalmente, mentre 1 su 5 ne soffre con cadenza mensile.
Alcuni alimenti e sostanze voluttuarie (il fumo, l’alcol, il cioccolato, la menta, i cibi grassi), farmaci e tutte le condizioni fisiologiche e patologiche (gravidanza, obesità, presenza di ernia jatale) che riducono la pressione del LES rappresentano fattori di rischio per MRGE.
Il fumo e l’alcol inoltre alterano anche la motilità stessa dell’esofago che rappresenta uno dei principali meccanismi di difesa contro il reflusso I sintomi tipici della malattia da reflusso gastro-esofageo comprendono:

  • Bruciore retrosternale.
  • Rigurgito di succhi o contenuto gastrico
  • Deglutizione dolorosa (odinofagia).
  • Difficoltà alla deglutizione (disfagia), generalmente espressione di un restringimento del lume esofageo (stenosi).
  • Dolore toracico (prevalentemente centrale ossia retrosternale, irradiato o meno a fascia e al dorso).
  • Emorragia digestiva nei casi di esofagite erosiva o ulcerativa.

Sintomi atipici:

  • Manifestazioni respiratorie (asma, bronchite cronica, fibrosi polmonare, tosse cronica, farigo-laringiti).
  • Otite ricorrente (nei bambini).
  • Infiammazione della lingua (glossite) e carie dentarie.

I sintomi atipici sono causati dal reflusso cronico acido che determina irritazione della bocca, delle prime vie aeree, e, se passa nelle vie aeree principali (come può accadere durante il sonno), dei bronchi.